Legge Bolzano, botta risposta Svp-Pöder

Accuse reciproche di violazione del regolamento interno

(ANSA) - BOLZANO, 30 GEN - Botta e risposta tra Svp e l'opposizione di lingua tedesca dopo l'accesa seduta notturna in consiglio regionale e l'approvazione delle nuove legge elettorale per Bolzano.
    Il segretario della Svp Philipp Achammer e il capogruppo Dieter Steger contestano "l'ostruzionismo dei consiglieri Pöder e Blaas". "Nei limiti del regolamento interno, ogni consigliere e libero ad esprimere il suo disappunto a una iniziativa della maggioranza, ma non ci sono giustificazioni, se un'istituzione viene resa ridicola con dei pretesti", affermano i due rappresentanti della Svp che auspicano una riforma del regolamento interno.
    Pöder e Blaas accusano invece la Svp in una nota congiunta di aver violato proprio il regolamento interno e di aver introdotto una soglia, "che mira esplicitamente contro l'opposizione di lingua tedesca". "Non è un caso - afferma Pöder - che un consigliere, che si oppone a questa violazione, venga espulso proprio dal vicepresidente della Svp e non dalla presidente del Consiglio regionale".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere