Pratolini collezionista d'arte, all'asta le sue opere

Il 22 febbraio da Pananti a Firenze, 121 i lotti all'incanto

(ANSA) - FIRENZE, 31 GEN - Tra i pezzi più importanti c'è la 'Dattilografa', scultura in ceramica di Leoncillo Leonardi, ma il valore dei lotti che andranno all'asta a Firenze il 22 febbraio è legato anche al proprietario delle opere all'incanto: Vasco Pratolini (1913-991). La Casa d'aste Pananti batterà quella che è stata la collezione d'arte dello scrittore e sceneggiatore fiorentino, autore tra l'altro di Metello e delle Ragazze di San Frediano.
    In tutto sono 121 le opere, una raccolta costituita attraverso una quotidiana frequentazione e collaborazione con gli artisti con cui condivideva una profonda affinità culturale.
    Nell'elenco dei lotti che andranno all'incanto, provenienti dagli ultimi eredi dello scrittore, compaiono opere di Ottone Rosai con cui mantenne uno stretto rapporto per tutta la vita come testimonia la lettera 'Autoritratto' in cui il pittore si rivolge a Pratolini elogiandone le qualità spirituali. Si alternano poi grafiche, disegni e incisioni tra gli altri di Carrà, Bartolini, Picasso, Dorazio, Guccione, Maccari e Magnelli. Nei dipinti prevalgono gli artisti toscani e in particolare fiorentini come Caponi, Marma, Grazzini, Bozzolini, Marcucci e Venturi, con i quali il sodalizio è testimoniato da una serie di suggestivi ritratti dell'autore di Cronache di poveri amanti, e di varie opere con dedica. Infine, il sodalizio con il poeta e storico d'arte Alessandro Parronchi è attestato da un nucleo di dipinti antichi, per lo più di scuola fiorentina, tra fine Quattrocento e primi Seicento. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie