Il 'Basaglia africano' giovedì a Prato

Ahongbonon, queste persone hanno solo bisogno di essere amate

(ANSA) - BOLZANO, 15 MAG - La cura delle malattie mentali, in Africa Occidentale, rappresenta un'emergenza che vede impegnato in prima linea Grégoire Ahongbonon, fondatore dell'Associazione "San Camillo de Lellis", conosciuto come il "Basaglia africano" o "l'uomo che in Africa libera i malati di mente in catene". Di sé lui dice: "Sono solo un gommista che ha scoperto che, come ognuno di noi, queste persone hanno solo bisogno di essere amate".
    L'esperienza degli "Oasis d'Amour", centri di accoglienza e cura oggi attivi in Benin, Costa d'Avorio e Togo, sarà raccontata dallo stesso Ahongbonon in un incontro pubblico, giovedì 17 maggio, alle ore 18, a Prato, nella sede della Provincia, Palazzo Banci Buonamici, sala del consiglio, Via Bettino Ricasoli 19. L'appuntamento, "Prendersi cura degli ultimi tra gli ultimi - Il disagio psichico in Africa", viene promosso dal Comune di Vernio, dalla Water Right Foundation e dal Gruppo Missionario "Un pozzo per la vita" Merano (Gmm) ed ospitato dalla Provincia di Prato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere