Nasce scuola secondo natura e no gender

Parte in Toscana e altre regioni. Primi stop da diocesi Veneto

(ANSA) - STAGGIA SENESE (SIENA), 19 AGO - In Toscana nasce la scuola secondo natura, cioè senza derive 'gender'. Gli alunni maschi rimangono maschi. Le alunne femmine rimangono femmine. E, tutti insieme, avranno anche con una sola maestra, non saranno più di 10 per classe, andranno a lezione solo al mattino, zaino leggero e niente compiti a casa. Unico peso, alla fine di ogni anno scolastico, l'esame da privatista. Tuttavia è proprio l'assenza di temi 'gender' dai programmi della scuola a richiamare l'attenzione. "E' solo un aspetto, non è l'unico, anche se capisco che possa colpire", spiega don Stefano Bimbi, parroco di Staggia (Siena) dopo che anche il quotidiano La Repubblica si è occupato della vicenda. Al sacerdote una trentina di famiglie ha chiesto di organizzare una delle prime scuole di 'Alleanza parentale' in Italia, sia elementari che medie. "I bambini maschi - riferisce don Bimbi - non saranno obbligati a vestirsi da femmine o addirittura a mettere il rossetto in terribili giochi 'gender' in cui alunni sarebbero stati maltrattati come sarebbe successo di recente in una scuola del Nord". "La nostra - illustra sempre il progetto - sarà una scuola dove non confonderemo gli alunni sulla loro identità sessuale, che è quella data per natura: chi nasce maschio è tale, e così chi nasce femmina. E così cresceranno, senza forzature. Il sesso non si sceglie, è quello avuto dalla natura". Dunque, tutti d'accordo? "Sì, non ho segnali contrari - dice don Bimbi - Noi al momento abbiamo iscritti una trentina di studenti su due classi di elementari e due di medie per l'anno scolastico 2015-2016. Altre esperienze a Padova, Schio (Vicenza), Bari, Brescia, Monza, Bergamo, Verona". Proprio in Veneto si registra il primo stop: è il 'no' arrivato dalla curia di Padova alle scuole anti-gender. Ma non sembra un ostacolo pratico a sentire il parroco di Staggia. Spiega ancora don Bimbi: "Per la scuola di alleanza parentale non serve né l'autorizzazione dello Stato, né della curia. Sono i genitori che autogestiscono la scuola per esercitare il loro diritto e dovere di educare i figli, ritenendo non delegabile ad altri la funzione educativa che la Costituzione affida loro. E gli alunni per il riconoscimento del titolo di studio a fine anno scolastico sosterranno esami da privatisti". "Una scuola aperta a tutti", comunque, "anche ai non cattolici", aggiunge il parroco di Staggia, ricordando che serviranno pochi soldi di contributo "grazie all'autogestione dei genitori, al volontariato degli insegnanti e alle sale gratuitamente messe a disposizione dalla parrocchia". "Una scuola che funziona perché avrà numeri piccoli", dice il parroco. L'organizzazione ricorda molto da vicino la scuola di Barbiana di don Lorenzo Milani anche se l'esigenza e il contesto sociale e storico che muovono questa nuova iniziativa sono completamente diversi. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere