Amanda Knox, Guede uccise Meredith

'Vorrei incontrare pm e vorrei capisse che non sono un mostro'

(ANSA) - MODENA, 15 GIU - "Il primo novembre 2007, un ladro, Rudy Guede è entrato nel mio appartamento, ha violentato e ha ucciso Meredith. Ha lasciato tracce di dna e impronte. È fuggito dal Paese, processato e condannato. Nonostante ciò un numero importante di persone non ha sentito il suo nome, questo perché pm, polizia e giornalisti si sono concentrati su di me.
    Giornalisti chiedevano di arrestare un colpevole. Hanno indagato me mentre Guede fuggiva". Così Amanda Knox dal palco del Festival della Giustizia penale a Modena. Capelli sciolti, la voce commossa e rotta, più volte, dal pianto e dal bisogno di riprendere fiato e bere un sorso d'acqua.
    "Sto pensando al mio pm, Giuliano Minnini - ha detto Amanda - vorrei avere un faccia a faccia con lui, al di fuori del ruolo di buono e di cattiva". "Spero che, se ciò accadrà, anche lui riesca a vedere che anche io non sono un mostro, ma semplicemente Amanda".
    Giustizia per Meredith? "No", ha risposto Amanda durante il talk con giornalisti e avvocati, "non è più viva".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA