Zingaretti, Raggi non può ordinare ad Ad

'Problema è città sfuggita di mano a chi la sta governando'

(ANSA) - ROMA, 19 APR - "Ho sentito gli audio della Raggi, mi tiro fuori dal gioco giustizialista di dare colpe. Ma c'è una verità che dice Bagnacani (Amministratore delegato di Ama, municipalizzata romana dei rifiuti, all'epoca delle conversazioni registrate, ndr): un presidente di Regione o un sindaco non può dire a un amministratore di una società pubblica 'io sono il socio e tu devi ubbidire', perché l'Ad di un'azienda sta lì esattamente a garante della funzionalità dell'azienda. E come dice Bagnacani nell'intercettazione il suo dovere è prima di tutto verificare e tutelare i bilanci dell'azienda".ßCosì il leader Pd Nicola Zingaretti in un'intervista ieri, in tarda serata, a Piazza Pulita.
    "Il problema comunque è che questa città è scappata di mano a chi la sta governando - ha aggiunto Zingaretti, governatore del Lazio -: in tre anni abbiamo avuto 9 assessori che se ne sono andati".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
        TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

        Video ANSA