Ue: Juncker, per ora niente sanzioni

"Rinvio valutazioni a marzo, ai Paesi non piace prender lezioni"

(ANSA) - BERLINO, 28 NOV - Paesi in difficoltà con le regole di budget non saranno sanzionati per eventuali violazioni del patto di stabilità e crescita. "Ho fatto la scelta di non sanzionare", ha detto il presidente della commissione Ue, Jean-Claude Juncker, stando all'anticipazione di un'intervista.
    Juncker ha di fatto evocato le situazioni d'Italia e Francia, ma senza citare alcun Paese. "La decisione finale sulle conseguenze l'abbiamo spostata a marzo, aprile", ha aggiunto: "Ai Paesi non piacciono le lezioni".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA