Nicchi, arbitri attenti a casi razzismo

Abbiamo detto ai giocatori di venire da noi se si sentono offesi

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Non spetta agli arbitri "andare a cercare sulle tribune quei cialtroni autori dei cori razzisti".
    Lo ha detto Marcello Nicchi, presidente dell'associazione arbitri intervenuto a Radio anch'io sport. "Noi siamo in prima linea per cacciare dai campi questi cialtroni che fanno i buu razzisti. Ai calciatori abbiamo detto, quando in campo vi sentite offesi, venite da noi. Vi abbracciamo, vi consoliamo. Di più non possiamo fare. L'arbitro è impegnatissimo a applicare le regole, c'è un protocollo preciso nel caso dei cori razzisti, con gli annunci dall'altoparlante e tutto il resto, ma non gli possiamo pure dare il compito di andare a cercare sulle tribune quelli che fanno i cori".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA