Genoa-Milan alle 15, i tifosi protestano

L'inizio della partita era in programma alle 21

(ANSA) - GENOVA, 10 GEN - Tifosi genoani infuriati per la decisione della Lega calcio di anticipare alle 15 la sfida contro il Milan, inizialmente prevista per le 21 di lunedì 21 gennaio. Il commento da parte dei genoani è unanime: "Così non si vuole far andare la gente allo stadio". Sono oltre 18 mila gli abbonati del Genoa in questa stagione e difficilmente potranno assistere alla sfida, considerando l'orario lavorativo.
    Molti scrivono chiaramente di voler "boicottare in ogni caso la partita" e invitano a non recarsi al Ferraris. La decisione ha lasciato perplessi, anche ricordando un precedente avvenuto proprio in questo campionato: per il recupero tra Sampdoria e Fiorentina l'orario inizialmente previsto per le 17 era stato spostato alle 19 tra le polemiche e una città bloccata per il traffico anche in conseguenza ai disagi per il crollo di Ponte Morandi. Lo stesso Comune di Genova chiese ufficialmente che, dopo quanto accaduto proprio con Sampdoria-Fiorentina, "non venissero più giocate partite al Ferraris in giorni feriali".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA