In Germania se la prendono con Monday night e Var

Proteste e caos. Lunedì bloccato match Francoforte,ora tocca a Dortmund e Colonia

No al calcio moderno, e soprattutto no al 'Monday Night' e alla Var. I tifosi delle squadre della massima serie tedesca, la Bundesliga, hanno annunciato nuove forme di contestazione, forse anche dure, contro le novità introdotte da quella che definiscono "la football mafia", ovvero la federcalcio locale. Tutto è cominciato lunedì scorso, quando durante il primo dei cinque 'Monday Night' di questa stagione, quello fra Eintracht e Lipsia, i sostenitori del team di Francoforte hanno dato via a una serie di plateali contestazioni, nonostante il successo di Kevin Prince Boateng e compagni.

Tanto per cominciare, hanno fatto ritardare il calcio d'inizio, visto che un folto gruppo di loro si era piazzato dietro una delle due porte, poi nel corso del match, visto che in tanti erano muniti di fischietto, lo hanno usato per creare confusione fra i giocatori in campo, che in certe fasi non hanno capito se a fischiare fosse stato l'arbitro o qualcuno dagli spalti. Non è tutto, perché a Francoforte anche il secondo tempo è cominciato in ritardo, per il fitto lancio in campo di rotoli di carta igienica e palline da tennis. Il tutto mentre venivano esposti striscioni contro il 'Monday Night'. Ora anche i supporter del Borussia Dortmund hanno annunciato contestazioni contro i posticipi serali del lunedì, da attuare il 26 di questo mese quando i gialloneri affronteranno l'Augsburg. In molti però, per manifestare il loro dissenso, hanno annunciato che diserteranno lo stadio, l'Iduna Park che solitamente è a spalti gremiti.

Proteste annunciate anche a Colonia dopo che, a detta dei tifosi, la loro squadra è stata ripetutamente penalizzata dalla decisione dei 'Video Assistant Referee', ovvero Var. Tutto ciò dopo che un attento esame dei filmati mostrati da varie emittenti hanno dimostrato che in almeno un caso le lamentele del Colonia erano giustificate. E ci saranno manifestazioni di dissenso anche ad Hannover, contro "gli speculatori del calcio moderno" che vorrebbero acquisire il controllo del club. Così il difensore del Borussia Moenchengladbach Matthias Ginter, campione del mondo (da riserva) nel 2014, ha lanciato l'allarme dalla pagine della 'Bild': "siamo arrivati a un punto in cui le divisioni tra chi fissa le regole e i tifosi potrebbero farsi pericolose, e potrebbe succedere ciò che già c'è in Inghilterra, dove i supporter sono sempre più distanti dai club. Da noi c'è molto più attaccamento da parte di chi tifa verso la sua squadra, e vorrei che le cose rimanessero così".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA