Gravina a Gattuso, regole nostra bussola

Il n.1 della Lega Pro, non gestiamo noi la giustizia sportiva

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Prova a leggere le regole e vedrai che in ogni azione abbiamo avuto come bussola le regole e, contemporaneamente, il rispetto per i club. La Lega organizza il campionato, ma la giustizia sportiva è di competenza di organi preposti". Lo afferma il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina replicando a Gennaro Gattuso dopo le critiche del tecnico del Pisa al sistema delle penalizzazioni.
    "Quello che tu hai fatto all'inizio - continua - è il terreno della Lega Pro. Siamo la carne viva dei comuni d'Italia, con tutta la forza che hanno e anche le debolezze. Lavoriamo per mantenere quella storia, dare innovazione ed eliminare le debolezze. Per farlo, dobbiamo avere un punto irrinunciabile: il rispetto delle regole. Mi chiedi che sport è questo? La risposta è nel lavoro di ognuno e nella linea di impegno condivisa dai club e dalla Lega per renderla sempre più forte. La risposta è anche negli oltre 7 milioni di appassionati che seguono i 54 club. Sono quelli che, quando eri giovanissimo, ti seguivano a Perugia".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA