Albertini, a Milan serve nuovo programma

Confusione genera confusione, giocatori diventano opportunisti

(ANSA) - MILANO, 21 MAR - "Al Milan serve una programmazione diversa da quella attuale. E' difficile parlare da esterno, ma senza programmazione diventi un artigiano del calcio e non una multinazionale come accade negli altri Paesi. Negli anni '90-'00 la Serie A era il Campionato per eccellenza, ora non è così. Non credo sia solo un problema di soldi, manca programmazione": lo ha detto l'ex campione del Milan Demetrio Albertini. Il Milan in difficoltà si schiera dalla parte di Mihajlovic che viene però criticato dal presidente Berlusconi. "Il calciatore normalmente in queste situazioni - spiega Albertini - è confuso e diventa un po' opportunista attaccandosi a chi 'conviene' invece che pensare agli obiettivi comuni. La confusione genera confusione".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA