Serie A: accordo su divisione diritti tv

Galliani, diciotto voti a favore e Palermo e Chievo contrari

"Habemus Papam, è andata": così il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis al termine dell'assemblea della Lega di Serie A, la quinta convocata per definire i nuovi criteri per la ripartizione delle risorse provenienti dalla vendita dei diritti tv.  "È stato raggiunto un accordo per la ripartizione delle risorse dei diritti tv per il 2015/'16 - ha confermato l'ad del Milan e vicepresidente della Lega Adriano Galliani - Ci sono state diciotto squadre a favore. Contrari Palermo e Chievo".

L'assemblea nella sede milanese della Lega, programmata per le 11, era iniziata verso le 15:45 dopo oltre quattro ore di riunioni separate, con le sei grandi in una stanza e le restanti società in un'altra. All'ordine del giorno c'erano anche la scelta delle società di ricerche di mercato per le rilevazioni demoscopiche e l'offerta al mercato del pacchetto "Betting streaming".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA