Serie B, Cagliari vince di misura

1-0 all'Entella. Poker Novara all'Avellino, colpo esterno Lanciano

rapani e Como pareggiano 2-2 nel posticipo della 25/a giornata di serie A. Ospiti avanti due volte con Pettinari al 28' pt e Ganz al 9' st, poi il Trapani rimonta in extremis con Montalto al 14' e Scozzarella, a 1' dal fischio finale. In classifica, il Como è sempre ultimo con 20 punti, mentre i granata sono 12/i a quota 33.

 Risultati della 25/a giornata del campionato di Serie B (RISULTATI E CLASSIFICA):

  • Ascoli-Latina 0-0;
  • Bari-Crotone 2-3:
  • Cagliari-Entella 1-0;
  • Livorno-Ternana 1-0;
  • Novara-Avellino 4-1;
  • Perugia-Spezia 0-0;
  • Pro Vercelli-Brescia 2-1;
  • Salernitana-Pescara 2-2;
  • Vicenza-Lanciano 0-2
  • Modena-Cesena 0-0
  • Trapani-Como 2-2
       

La giornata in pillole

Il Cagliari soffre per un'ora, ma poi batte l'Entella con un rigore di Farias. La squadra di Rastelli, con 1-0 sui liguri, ritorna in vetta scavalcando il Crotone, temporaneamente primo dopo il successo di ieri a Bari. Nel primo tempo non succede quasi nulla. Molto vento e un pericolo per parte: Farias per il Cagliari e Costa Ferreira per gli ospiti. Nella ripresa Cagliari più aggressivo. E al 31' l'episodio chiave: lancio lungo di Tello e Iacobucci travolge in area Melchiorri. Giallo per il portiere e arbitro che indica il dischetto: dagli undici metri Farias realizza il decimo gol della sua stagione. Per il Cagliari terza vittoria di fila e più otto dal Pescara al terzo posto.

Modena-Cesena 0-0  - Finisce senza reti il derby tra Modena e Cesena, posticipo della 25' giornata di serie B. Il Modena può recriminare per le occasioni da rete costruite nel primo tempo, in particolare la traversa colpita da Crecco e il salvataggio sulla linea di porta di Lucchini sulla conclusione del modenese Stanco. Il Cesena sale a 38 punti a rimane in zona playoff raggiungendo il Brescia. Modena in zona playout a 26 punti

Salernitana-Pescara 2-2 - Un'altalena di emozioni allo Stadio Arechi e Salernitana-Pescara finisce 2-2. Un pareggio importante per il neo allenatore Menichini ritornato alla Salernitana dopo l'esonero di Torrente. Un primo tempo equilibrato con un gioco convincente da parte di entrambe le squadre. Al 17' calcio di rigore per la Salernitana. Fiorillo atterra Donnarumma in area e Coda segna così il gol del vantaggio dagli undici metri. L'incontenibile gioia dei tifosi granata dura poco dal momento che al 25' il Pescara rimonta grazie ad un'azione di Lapadula che segna il gol del pareggio. Salernitana in dieci dal 43' quando Zito viene espulso per un brutto fallo su Memushaj. Il secondo tempo è stato da subito carico di intensità ancor più del primo tempo. Al 62' secondo giallo per Caprari che fa ristabilire così la parità numerica tra le due squadre. Rimonta del Pescara al 68' con un gol di Verde. Tre minuti dopo, al 71', la Salernitana spreca una preziosa occasione per il pareggio, con Fiorillo che respinge senza difficoltà un rigore battuto da Coda. All'84 esultanza granata con il gol di Donnarumma che mette in porta su cross di Ceccarelli. Al 93', espulso anche Empereur e al 94' giallo per Verde per simulazione.

Pro Vercelli-Brescia 2-1 - La Pro Vercelli batte in casa il Brescia 2-1 e torna a vincere dopo cinque sconfitte consecutive. Decisivo il gol, al 19' della ripresa, di Mustacchio, che supera il portiere avversario con un colpo di testa su traversone di Mammarella. Per i piemontesi una vittoria in rimonta. Prima del gol di Mustacchio, erano stati i bresciani a passare in vantaggio con Mazzitelli su punizione (3'), raggiunti dopo tre minuti dai padroni di casa grazie ad un colpo di testa di Bani su angolo di Mammarella

Bari-Crotone 2-3 - Un Crotone volitivo e determinato ha espugnato il San Nicola, ridimensionato il Bari, assestandosi solitario in testa alla classifica della serie B. Il 2-3 finale per i calabresi è il risultato di un incontro combattuto, con i pugliesi puniti dall'approssimazione difensiva e dagli errori di Donkor. La gara è iniziata in discesa per il Crotone: pronti-via e Martella ha portato in vantaggio l'undici di Juric. Solo nella ripresa il Bari ha dato prova di personalità, pareggiando con Maniero al 8', passando in vantaggio al 19' su rigore di De Luca (fallo di Balasa). Nel finale Guarna ha abbattuto in area Budini (causa retropassaggio certo di Donkor): rosso per il portiere e rigore trasformato da Torromino (40') con Maniero tra i pali. Nel recupero il gol-partita di Budimir in mischia (undicesimo centro stagionale), per la gioia dei cinquecento tifosi crotonesi nel settore ospiti.

Vicenza-Lanciano 0-2 - Colpo grosso in chiave salvezza per la Virtus Lanciano che espugna 2-0 lo stadio Menti di Vicenza, risultato che le consente di restare in corsa, mettendo nel contempo nei guai i veneti. Entrambi i gol sono giunti nella ripresa: al 6' apre le marcature Di Francesco che rubata palla a centrocampo si invola e batte Benussi e al 17' raddoppio di Ferrari, ben servito in area dallo stesso Di Francesco, con un diagonale vincente.

Novara-Avellino 4-1 - Dopo un digiuno durato cinque partite, l'attacco del Novara si è scatenato contro l'Avellino: quattro gol e un rigore sbagliato e vittoria (4-1) al sicuro già nel primo tempo. Dopo 18' il primo gol degli azzurri, con Nadarevic lanciato tutto solo nella metà campo irpina. Al 34' il Novara potrebbe raddoppiare, ma Evacuo sbaglia un calcio di rigore. Nemmeno il tempo di rammaricarsi e lo stesso Evacuo va in gol, partendo probabilmente da una posizione di fuorigioco. Vivaci le proteste dell'Avellino, che costano l'espulsione all'allenatore Attilio Tesser (ex tecnico del Novara). Ancora Evacuo sfrutta una indecisione della difesa ospite per il 3-0 e poi un altro rigore, trasformato da Gonzalez, fissa il 4-0 del primo tempo. Nella ripresa l'Avellino accorcia con un gran tiro da fuori area di Gavazzi e rimane poi in dieci per l'espulsione (doppia ammonizione) di Pucino. Per il Novara e' la prima vittoria dopo quattro sconfitte consecutive.

Perugia-Spezia 0-0 - Si è chiusa sullo 0-0 la gara fra il Perugia di Pierpaolo Bisoli e lo Spezia Domenico Di Carlo, valida per la 25/a giornata di Serie B. In avvio grifoni più aggressivi con Del Prete, pericoloso al 7' con un destro uscito di poco. Lo Spezia ha reagito al 15' con Calaiò, bloccato da Rosati in tuffo. Allo scadere del primo tempo Spezia in dieci per l'espulsione diretta di Pulzetti per fallo su Molina. Nella ripresa ritmi molto più bassi. Dopo 30' di gioco è cresciuto molto il Perugia con l'uruguaiano Aguirre, pericoloso a più riprese. Al Curi finisce quindi a reti inviolate, con le due squadre che salgono a 34 punti.

Livorno-Ternana 1-0  - Seconda vittoria consecutiva del Livorno che ha battuto 1-0 la Ternana al 'Picchi', con il ritorno in panchina di Christian Panucci. Dopo un primo tempo prevalentemente di marca amaranto - occasionissima al 21' sui piedi di Baez che da solo spara sul portiere - per vedere il gol bisogna aspettare la mezz'ora della ripresa, quando nel migliore momento per gli ospiti, il Livorno passa: Biagianti, appena entrato, al 29' st irrompe in area su cross profondo di Jelenic e batte Mazzoni con un destro al volo in acrobazia

Ascoli-Latina 0-0 - Manca l'appuntamento con la vittoria l'Ascoli, che non va oltre lo 0-0 contro un Latina che ha giocato meglio nel primo tempo, cedendo il comando del match ai padroni di casa nella ripresa. Se il punto sta bene ai laziali, sta stretto invece all'Ascoli, che nella ripresa ha costruito occasioni da gol con Perez che ha fallito la deviazione vincente all'8'. Bravo il portiere del Latina Ujkani al 27' a mettere in angolo un gran tiro di Giorgi.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA