Sarri, avrei fatto pace dopo tre secondi

E con Mancini si ritrova favorevole alle adozioni gay

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Io contro Mancini non ho assolutamente niente: avrei fatto pace anche dopo tre secondi". Lo ha detto Maurizio Sarri all'inviato del programma tv "Le Iene" che lo aveva raggiunto a Castel Volturno. "Penso che l'omosessualità sia una condizione di vita assolutamente accettabile - ha spiegato il tecnico del Napoli - Non sono omofobo. Il mio è stato solo un insulto di rabbia, non c'era nessuna discriminazione. Le adozioni gay? Penso ci sia bisogno di una legge apposita, che preveda questa possibilità".
    L'inviato Dino Giarrusso ha parlato anche con Roberto Mancini, il quale ha ribadito di non aver mai usato il termine "frocio" contro nessuno e si è detto favorevole alle unioni civili e ai matrimoni gay. "Ma siamo nel 2016, porca miseria - ha esclamato l'allenatore dell'Inter - Non siamo nel 1500! Adozioni gay? È giusto!". Quando poi l'inviato gli ha rivelato che Sarri aveva dato le stesse risposte, Mancini ha detto: "Eh, son contento! Si vede che la pensa così!".
    Le interviste andranno in onda domenica.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA