Doping: Tas, annullare vittorie russi

Giudicate troppo clementi le sanzioni stabilite dalla Rusada

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il Tribunale d'arbitrato per lo sport ha giudicato troppo clementi le sanzioni adottate dalle Autorità della Russia (Rusada) per sei atleti coinvolti in casi di doping, i quali erano stati squalificati ma avevano mantenuto i risultati ottenuti. La Federatletica internazionale, promotrice del ricorso, e il Cio potranno ora ratificare, in particolare, il passaggio della medaglia d'oro nella 50 km di marcia di Londra 2012 da Sergei Kirdyapkin all'australiano Jared Tallent.
    Il Tas, infatti, ha annullato tutti i risultati di Kirdyapkin dal 20 agosto 2009 al 15 ottobre 2012.
    Oltre a Kirdyapkin, Olga Kaniskina si vedrebbe sfilare l'argento nella 20 km di Londra 2012 (a vantaggio del cinese Qiejang Shenjie), mentre Yulia Zaripova e Sergei Bakulin perderebbero i titoli mondiali nella 3.000 metri siepi e nella 50 km di marcia conquistati a Daegu 2011 (a favore del tunisino Habiba Ghribi e dell'altro russo Denis Nizhegorodov).
    Il Tas ha deciso anche la squalifica dei marciatori Valery Borchin e Vladimir Kanaikin.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA