Ronaldo, "anno eccezionale, mi sento un ragazzino"

Spagna celebra il Real Madrid: "Maestri dell'universo"

 "E' stato un anno eccezionale, e anche molto faticoso, ma mi sento ancora un ragazzino". Così Cristiano Ronaldo, la stella del Real Madrid che anche nella finale di ieri con la Juventus ha brillato segnando una doppietta. 'CR7' si è presentato in conferenza stampa, dopo la festa con i compagni nello spogliatoio di Cardiff, prima del suo tecnico Zinedine Zidane. "I miei giocatori - ha detto l'allenatore del Real Madrid - sono stati tutti importanti allo stesso modo nella conquista di questo nuovo trofeo. In questa finale la Juventus aveva cominciato molto bene, nell'intervallo ho spiegato alla squadra di fare più pressing, tenere palla e siamo stati spettacolari. Segnare quattro gol alla Juventus non è facile".


Spagna celebra il Real Madrid: "Maestri dell'universo"  - "Maestri dell'universo" (Marca), "Zidane storico" (MD) o più semplicemente "La duodecima" (AS): si sbizzarriscono nei titoli i giornali spagnoli per celebrare la vittoria del Real Madrid nella notte di Cardiff che, tra l'altro, porta i blancos per l'ennesima volta nella storia, essendo il primo club ad aggiudicarsi per due anni di fila il più prestigioso trofeo continentale. Il titolo più enfatico è del quotidiano sportivo di Madrid che definisce la squadra di Zidane "Padrona dell'universo", attribuendo i meriti a una squadra perfetta, con due mostri in campo (CR7 "pichici di Champions per il quinto anno di fila") e panchina (il tecnico francese già artefice della storica vittoria nella finale di Glasgow del 2002 contro il Bayer Leverkusen. "Il Real affonda la Juve per prendersi la duodecima", aggiunge nell'occhiello. Meriti che anche la stampa catalana riconosce a pieno titolo agli eterni rivali: "Zidane, storico", titola 'Mundo Deportivo' sottolineando il grande lavoro del tecnico francese. "Con lui il Real agguanta la seconda coppa di fila e raggiunge quota 12. I blancos cancellano la Juve". Un titolo a tutta pagina "La duodecima" è invece l'omaggio scelto da AS per celebrare il trionfo delle merengue: "e sono 12 le Champions nella bacheca madridista, le ultime tre vinte dal 2014 a oggi", l'enfasi che accompagna la vittoria storica della corazzata Real. Celebrata anche dalla francese L'Equipe che parla di "Madrid irreale", parlando di una squadra entrata di diritto "Dentro la leggenda", primo club a vincere la Champions per due volte di fila (c'era riuscito solo il Milan di sacchi ma si chiamava Coppa dei Campioni). Meno spazio, ovviamente, al trionfo della squadra di Zidane sui giornali britannici tutti incentrati sull'ennesimo attatto terroristico a Londra. Nessuna enfasi, nessun titolo strillato ma solo la celebrazione dell'ennesima vittoria madridista: "Ronaldo celebra il trionfo del Real in Champions" (Daily Mail), "Il Real Madrid vince la Champions grazie a Cristiano Ronaldo" (Guardian), "Ronaldo fa la storia" (Mirror). E la parola 'storia' campeggia anche sulla 'Bild' che rende merito: "Real, storica vittoria in Champions".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA