Gianluigi Buffon: 'ci serve un altro Conte'

La Germania batte gli azzurri 4-1 a Monaco di Baviera in un'amichevole di preparazione agli Europei

Sarà pur vero che i tabù sono destinati a essere infranti, ma contro un'Italia fragile fragile la Germania lo ha fatto nel modo più eclatante: il 4-1 di Monaco spazza via a un tempo le certezze azzurre e la serie negativa che per i padroni di casa durava da 21 anni.

Gianluigi Buffon, capitano azzurro, non ha un candidato alla successione di Conte sulla panchina dell'Italia, ma un indentikit si'."Ci sono tanti papabili, ma in testa non ho nessuno - ha detto a RaiSport - L'auspicio e' che si continui il percorso cominciato con Conte: e' un piacere vedere come ci allena, e noi siamo assetati di impare". Buffon, che con Conte ha lavorato nei tre anni Juve, parla delle parole del ct sull'addio. "Il garage? Uno come lui fa fatica a stare lontano dal campo, questi due anni sono stati uno strappo alla regola contiana. Ma ha tracciato una strada in nazionale, e anche l'Italia deve andare nella direzione che il calcio indica: con una squadra che fatica a proporre i talenti di 4 o 5 anni fa, e' necessario lavorare, lavorare, lavorare. In campo si vede, siamo compatti e coordinati".

Buffon ha parlato anche delle 'sirene' per Bonucci e Zaza: "non ho paura di perderli, sono ragazzi intelligenti e sanno che alla Juve c'e' un progetto importante che e' anche un sogno: arrivare entro due anni a una nuova finale di Champions". Discorso inevitabilmente legato alla sua carriera. "Mi avvio alla conclusione, ma felice: vivo la mia eta' dell'oro, riesco a guardare con soddisfazione a tutto quello che ho fatto, e a condividerlo con chi mi sta attorno", spiega. Quanto all'ode alla porta scritta per celebrare il record di imbattibilità, "e' come il rapporto tra Valentino Rossi e la sua moto, avete visto che la carezza? Tra me e la porta c'e' un rapporto viscerale, ogni gol preso e' uno schiaffo a lei e contemporaneamente a me".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA