Psg, Blanc: 'Avevo voluto io Aurier, e' pietoso'

Battuta omofoba del difensore ivoriano sul suo allenatore

 "L'ho presa malissimo", è "pietoso": questo il commento dell'allenatore del Paris Saint-Germain (Psg), Laurent Blanc, che in conferenza stampa a Parigi è tornato sul caso di Serge Aurier, il difensore del Psg che gli ha dato della 'checca' in un video pubblicato su Periscope. La società ha deciso di sospenderlo, anche se il giocatore ivoriano avrebbe fatto comodo martedì nell'andata degli ottavi di Champions League con il Chelsea, in quanto non contento di offendere con battute omofobe l'allenatore, Aurier ha anche preso di mira anche Zlatan Ibrahimovic e altri compagni di squadra. "Due anni fa - ha spiegato Blanc riferendosi al difensore ventitreenne - mi impegnai fino in fondo con la direzione per averlo (in squadra,ndr.), ho avuto un bel ringraziamento...lo trovo pietoso". In serata, il terzino della nazionale ha affidato a Canal+ un messaggio video per scusarsi, ma il Psg ha confermato la sospensione e annunciato l'avvio di un'azione disciplinare. "Invece di scusarsi sarebbe meglio riflettere a ciò che si fa", ha ammonito Blanc davanti a microfoni e tv. Per lui, Aurier non ha solo "penalizzato sé stesso ma l'intera squadra". In ogni caso, ha concluso Blanc, "se ha un problema con me non lo risolverò a mezzo stampa" ma direttamente con lui "come ho sempre fatto". Il giovane terzino della nazionale ivoriana era già incappato in un caso via social nel 2015, quando l'Uefa lo squalifico' per tre giornate per critiche offensive a un arbitro dopo un incontro di Champions, guarda caso proprio con il Chelsea. Oggi Aurier è tornato a dire di aver fatto una "grossa sciocchezza, qualcosa di imperdonabile".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA