Pele, i 75 anni della "perla nera"

Il 23 ottobre è il compleanno di Edson Arantes Do Nascimiento detto 'O Rei', l'uomo simbolo del 'futebol'

Se il calcio non si fosse chiamato cosi', avrebbe dovuto essere denominato Pele'. La convinzione espressa un giorno da Jorge Amado e' quella di 200 milioni di brasiliani. Che, coerentemente, per celebrare il 75/o compleanno dell'uomo simbolo del 'futebol' hanno preparato un altro carnevale fuori stagione. Con loro, festeggiano idealmente altri milioni di persone in giro per il mondo, innamorate del pallone e del suo mito più longevo e globalizzante.


Edson Arantes Do Nascimiento (come si chiamava prima di diventare il bisillabo piu' famoso dello sport) e' nato a Tres Coracoes il 23 ottobre 1940: in una vita da copertina ha regalato record (tra tutti, unico calciatore a vincere tre mondiali, 1279 reti segnate in carriera) e soprattutto sogni.

E continua a coltivarli, come quello di colmare la lacuna di un oro olimpico diventando l'ultimo tedoforo agli imminenti Giochi di Rio, o di portare Zico alla guida del calcio mondiale al posto di Blatter.
Per lui si sono sprecate le iperboli. Atleta del secolo per il Cio, calciatore del secolo - ma ex aequo con Maradona, Pele' secondo i brasiliani e' la prova dell'immortalita', in quanto sopravvivera' a se stesso. O Rei e' stato, ed e' tuttora con Muhammad Ali', l'atleta piu' celebre della storia moderna, famoso nei punti piu' remoti dell'Asia Minore come nel cuore dell'Africa, nei deserti australiani come nelle grandi capitali. Nessun altro sportivo ha avuto piu' spettatori di lui, e la sua faccia e' tuttora, molti anni dopo il suo ritiro, tra le piu' popolari del pianeta. ''Sono conosciuto piu' di Gesu' Cristo'', disse una volta attirandosi critiche, ma non smentite.

E' stato intervistato e fotografato piu' di qualsiasi altra persona: statisti, divi del cinema e tycoon vari. E' stato accolto da 'Rei' in 88 nazioni, e ricevuto da 70 premier, 40 capi di Stato e 3 Papi. In Nigeria venne dichiarata una tregua di 48 ore ai tempi della guerra con il Biafra perche' tutti, da entrambi gli schieramenti, potessero vederlo giocare. Lo Scia' di Persia lo aspetto' tre ore in un aeroporto solo per potersi fare una foto con lui, le guardie alle frontiera cinese abbandonarono i loro posti e si spostarono a Hong Kong,

attirandosi le ire del regime, solo perche' avevano saputo che la Perla Nera si trovava quel giorno nella citta'-colonia. In Colombia Pele' fu espulso durante una partita, e la folla invase il campo costringendo l'arbitro alla fuga. Il match riprese solo con il ritorno in campo del grande brasiliano, a quel punto la folla torno' disciplinatamente sugli spalti.



Quando aveva 20 anni in Brasile venne dichiarato ''tesoro nazionale'', e fu quindi proibita la sua cessione all'estero: ci rimase male il presidente dell'Inter Angelo Moratti che sognava di portarlo in nerazzurro e gli aveva fatto offerte molto serie. L'Italia fu anche il primo paese straniero visitato da Pele',
nel 1958 quando il Brasile si fermo' per due amichevoli sulla strada verso i Mondiali di Svezia, ma il timidissimo ragazzino 17enne gia' stella del Santos (citta' del litorale paulista che lui rese famosa ovunque) non pote' giocare contro Inter e Fiorentina in quanto infortunato.
Pele' e' stato immortalato da Andy Warhol nella galleria dei suoi ritratti. Bauru', la citta' brasiliana dove comincio' a giocare, gli ha dedicato una statua che produrrebbe miracoli (c'e' chi sostiene di essere guarito toccandola). Cento canzoni narrano la sua leggenda. Iperboli su iperboli, numerose quanto i suoi gol. Ma a ben pensarci tutte insieme non lo raccontano come fa il gesto plastico della rovesciata nel film Fuga per la vittoria. Figlio d'arte di un calciatore che ebbe poca fortuna,
Dondinho, a 70 anni non sa spiegare l'origine del suo soprannome, e in privato, lui che e' cosi' popolare e pubblico regala persino momenti di grande pudore.

 

Intervistato dall'Ansa una volta prese la cornetta del telefono e disse semplicemente ''Sono Edson, come va?''. Certo poi offre anche qualche legittima pacchianata: lo stadio di Maceio' e il centro di allenamento del Santos si chiamano 'O Rei Pelè' e lui quando ci va gongola.

Non perde mai il sorriso, e' l'uomo-propaganda ideale (ma non ha mai fatto spot per sigarette e alcolici), e per questo ha continuato a guadagnare tanto anche dopo aver smesso di giocare.
Per farlo arrabbiare c'e' solo un modo: dirgli che Maradona e' stato bravo quanto lui. A quel punto rispondera' immancabilmente chiedendo quanti gol di testa e di destro ha segnato in carriera il rivale argentino re di Napoli. Per poi aggiungere ''Io ero piu' completo'', punto e basta, e per una conferma basta chiedere al suo collega Tostao,ora apprezzato giornalista e grande ammiratore di Maradona: '' Effettivamente Pele' era davvero unico, inarrivabile'', risponde ogni volta. ''Quando Pele' giocava e poi si fermava in campo - ha scritto Eduardo Galeano - gli avversari si perdevano nei labirinti che le sue gambe disegnavano''. Solo Giovanni Trapattoni ne usci' fuori, ma quel giorno del maggio 1963 a San Siro il n. 10 del Brasile gioco' infortunato.


Da politico (e' stato ministro dello sport) e soprattutto come padre e' stato meno fortunato, per sua stessa ammissione,
mentre da dirigente, con il suo carisma, ha vinto l'ennesima partita importante, risultando decisivo, come testimonial, per l' assegnazione delle Olimpiadi del 2016 a Rio de Janeiro,
rifacendosi cosi' di una delusione ''perche' ho sempre desiderato vincere l'oro dei Giochi e non ci sono riuscito''. Verrà 'ricompensato', a Rio ne sono tutti convinti, facendo l'ultimo tedoforo, quello che accenderà il braciere olimpico, nella cerimonia di apertura dell'Olimpiade carioca. Nessuno più di lui lo merita, anche se in patria c'è perfino chi lo guarda storto per via di certe sue predizioni sballate. Ma Pelè rimane un mito, quello per cui in Brasile scrivono ancora sui muri ''grazie di essere nato''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA