Conte e Di Maio a New York, il nuovo governo debutta all'Onu

Clima e Libia in agenda, il leader M5S alla prova dei grandi

Giuseppe Conte e Luigi Di Maio volano a New York dove ad attenderli ci sono i leader mondiali, in quella che è la più grande kermesse internazionale dell'anno: l'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Un evento che rappresenta una immancabile vetrina per i capi di stato e di governo e per i ministri degli esteri da tutto il globo. Non solo: l'appuntamento del Palazzo di Vetro e' un'occasione unica per le infinite possibilità di confronto e di scambio, ufficiali o informali, che si consumano nelle sue stanze e nei suoi corridoi.

Per l'Italia quest'anno è il debutto del nuovo governo giallorosso, e il compito del presidente del consiglio sarà quello di presentare e spiegare sfide e ambizioni di un'esecutivo decisamente diverso da quello che Conte rappresentava un anno fa. Per di più per il neo titolare della Farnesina, Luigi Di Maio, la missione all'Onu è un vero e proprio battesimo di fuoco tra i ministri degli esteri dei grandi, tra una serie di bilaterali con i capi della diplomazia della Ue, la cena di lavoro dei ministri del G7 e quella transatlantica offerta dal segretario di stato americano Mike Pompeo, che Di Maio potrebbe anche incrociare a margine dei lavori dell'Assemblea. Con Pompeo comunque atteso prossimamente nel nostro Paese.

Il leader dei Cinque Stelle dovrà per la prima volta cimentarsi con i suoi nuovi colleghi su delicatissimi dossier come la Libia, l'Iran, la Siria, l'Afghanistan, il Medio Oriente, la Corea del Nord. Ma anche per ribadire la linea dell'Italia sull'emergenza immigrazione, partendo dalla necessità - ha scritto Di Maio su Facebook prima di partire - di una ridistribuzione automatica dei migranti in tutta l'Europa".

Molti i bilaterali che vedranno impegnato anche il premier, senza contare che la presenza nelle stesse ore di Giuseppe Conte e Donald Trump al Palazzo di Vetro potrebbe regalare un incontro a sorpresa, il primo da quando si è formato il nuovo governo che la Casa Bianca ha accolto con entusiasmo, visti anche gli ottimi rapporti tra il presidente del consiglio ed il tycoon testimoniati da una serie di scambi delle ultime settimane.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA

        Ultima ora