• Figlio Salvini su moto d'acqua, procedimento disciplinare per agente

Figlio Salvini su moto d'acqua, procedimento disciplinare per agente

Saranno sentiti a breve i tre agenti della scorta coinvolti nell'episodio avvenuto a Milano Marittima il 30 luglio scorso

Un procedimento disciplinare sarebbe stato avviato ai primi di agosto nei confronti di un agente, in servizio in provincia di Livorno, che aveva fatto salire sulla moto d'acqua il figlio sedicenne di Matteo Salvini a Milano Marittima lo scorso 30 luglio.
    L'agente - come riporta l'Huffington Post - è stato convocato dal questore di Livorno che gli ha comunicato l'avvio della procedura. Al momento non sarebbe stata fatta ancora nessuna proposta di sanzione, avverso la quale entro 10 giorni l'agente può fare ricorso. 

Intanto, saranno sentiti a breve dalla Procura di Ravenna i tre agenti della scorta dell'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini, identificati nell'ambito dell'episodio avvenuto a Milano Marittima il 30 luglio, quando il figlio dell'allora vicepremier fece un breve giro su una moto d'acqua della polizia e nelle fasi concitate che seguirono al tentativo di un giornalista di Repubblica di riprendere la scena.
A quanto si apprende, la Questura di Ravenna avrebbe concluso l'accertamento inviando per competenza gli atti alle Questure di Roma e di Livorno alle quali appartengono rispettivamente i tre agenti della scorta e i due poliziotti incaricati della moto d'acqua.

La procura di Ravenna aveva aperto un fascicolo a carico di ignoti: due i reati ipotizzabili, violenza privata, tentata o consumata, e peculato d'uso. La posizione dei tre agenti della scorta, identificati dopo che la Procura aveva avanzato una specifica richiesta al Viminale, dovrà essere definita.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA