Bombe: appello pacifista a Mattarella

Restituito certificato elettorale e solidarietà alle Ong

(ANSA) - CAGLIARI, 26 GIU - No alle soste prolungate dei migranti in mare. E no alle fabbriche di bombe italiane. Sono le due principali motivazioni che hanno spinto il pacifista sardo Antonello Repetto ad imbucare il suo certificato elettorale e a spedirlo al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
    Con una promessa: "Come cittadino e come cristiano - spiega Repetto - la informo che inviterò tutti a restituire il certificato elettorale e a non recarsi più a votare contro quest'inumana politica di respingimento e sterminio di cui l'Italia, insieme all'Europa, si rende complice".
    Solidarietà da parte di Repetto alle Ong che "vengono criminalizzate o addirittura multate per la loro opera di soccorso".
    Per quanto riguarda le bombe, il riferimento è allo stabilimento Rwm Italia di Domusnovas, nel Sulcis Iglesiente, da tempo oggetto di critiche da parte di movimenti antimilitaristi e pacifisti in quanto le armi prodotte in Sardegna verrebbero poi esportate in zone di guerra.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA