• Migranti: Repubblica, dalla Germania 1.200 in Italia in 6 mesi. Pd all'attacco

Migranti: Repubblica, dalla Germania 1.200 in Italia in 6 mesi. Pd all'attacco

Arrivati in aereo.'Mancata intesa con Berlino un danno per Roma'. In mattinata Salvini in un tweet cita Wojtyla: 'Necessario controllo flussi'

In sei mesi la Germania ha mandato in Italia quasi 1.200 profughi via aereo. Trasferimenti che avvengono a ritmo regolare: sono stati 1.114 solo tra novembre e marzo. Sono i dati forniti da 'Repubblica' che oggi apre il quotidiano con un'inchiesta intitolata "Porti chiusi aeroporti aperti, la beffa tedesca", che sottolinea come la mancata firma dell'Italia all'intesa con la Germania sui 'dublinanti', i migranti cioè che secondo le regole Ue dovrebbero essere trasferiti nei Paesi di primo approdo, abbia finito per penalizzare Roma. Secondo i dati del ministero dell'interno tedesco, citati da Repubblica, nel primo trimestre del 2019 sono state 4.602 le richieste di trasferire profughi in Italia, il 33% del totale fatte arrivare a tutti i partner Ue. Ma sono aumentate anche le risposte positive da parte del ministero guidato da Matteo Salvini: 3.540 tra gennaio e marzo, contro i 2.629 del periodo precedente.

L'inchiesta mette inoltre a confronto i dati con quelli della Grecia di Tsipras che ha firmato l'accordo con Berlino. Sempre secondo i dati del ministero dell'Interno tedesco, il quotidiano spiega che tra gennaio e marzo, a fronte di 557 trasferimenti all'Italia, verso la Grecia ne sono avvenuti 4.

"Svelato il fallimento della politica di Salvini sui trasferimenti dei profughi dalla Germania all'Italia. Effetto perverso dell'accordo dello scorso giugno a Bruxelles che ha penalizzato il nostro paese", scrive su Twitter il deputato del Pd Filippo Sensi commentando l'inchiesta. "Aumentano vertiginosamente i trasferimenti in aereo in Italia, dati alla mano. Ai proclami e alla faccia feroce del ministro degli Interni - aggiunge - non corrispondono i fatti. Chiacchiere a zero, propaganda sgonfiata. Un saldo negativo pesante sul quale dovrà venire in Parlamento a rispondere". "Fare i bulli con le navi - conclude Sensi - lasciando zitti zitti gli aeroporti aperti, non mi pare corrisponda alla maschera ganassa esibita in questi mesi". 

In mattinata il ministro dell'Interno Matteo Salvini Mentre il Papa è a Camerino per una visita nei territori colpiti dal terremoto del 2016 twitta il suo "buona domenica" con una foto del predecessore di Francesco, Giovanni Paolo II, e una sua citazione in tema di migranti presa dalla 'Ecclesia in Europa' del 28 giugno del 2003. "E' responsabilità delle autorità pubbliche esercitare il controllo dei flussi migratori in considerazione delle esigenze del bene comune - scriveva Wojtyla - L'accoglienza deve sempre realizzarli nel rispetto delle leggi e quindi coniugarsi, quando necessario, con la ferma repressione degli abusi"

Si trova - intanto - ancora ad una quindicina di miglia da Lampedusa la Sea Watch 3: la nave della ong tedesca continua a mantenersi al limite delle acque territoriali italiane in attesa di poter sbarcare i migranti soccorsi martedì scorso a 47 miglia dalle coste libiche. A bordo della nave, dopo lo sbarco autorizzato ieri dal Viminale di 10 migranti, restano 43 persone, tra cui tre minori di cui uno con meno di 12 anni. Ieri mattina il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha firmato il divieto di ingresso, transito e sosta nelle acque italiane, come previsto dal nuovo decreto sicurezza. Provvedimento che in serata è stata controfirmato dai ministri della Difesa e dei Trasporti, Trenta e Toninelli.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA