• Vaticano, lascia la redazione del femminile dell'Osservatore Romano: 'Delegittimate'

Vaticano, lascia la redazione del femminile dell'Osservatore Romano: 'Delegittimate'

J'accuse della fondatrice: 'Campagna per metterci sotto il controllo diretto degli uomini'

La fondatrice e il comitato editoriale esclusivamente femminile della rivista femminile vaticana, l'inserto mensile dell'Osservatore Romano "Donne Chiesa Mondo", si sono dimessi dopo quella che dicono essere una campagna vaticana per screditarli e metterli "sotto il controllo diretto degli uomini", che è solo aumentato dopo aver denunciato l'abuso sessuale delle suore da parte del clero.

Il comitato editoriale del supplemento mensile del quotidiano vaticano ha dato l'annuncio nell'editoriale del primo aprile e in una lettera aperta a Papa Francesco. "Stiamo gettando la spugna perché ci sentiamo circondati da un clima di sfiducia e progressiva delegittimazione", ha scritto la storica Lucetta Scaraffia nell'editoriale, che è stato inviato agli stampatori la scorsa settimana ma non è stato pubblicato.

Scaraffia ha detto che la decisione è stata presa dopo che il nuovo direttore dell'Osservatore, Andrea Monda, le aveva detto all'inizio di quest'anno che avrebbe assunto il ruolo di direttore. Ha detto che Monda ha riconsiderato questo dopo che il comitato editoriale ha minacciato di dimettersi e che i settimanali cattolici che distribuiscono traduzioni di "Donne Chiesa Mondo," in Francia, Spagna e America Latina, le hanno spiegato che avrebbero smesso di distribuire.

"Prendo atto della libera e autonoma decisione della professoressa Scaraffia di interrompere la collaborazione con 'L'Osservatore Romano', e di considerare chiusa la sua direzione di "Donne Chiesa Mondo", dice il direttore del quotidiano della Santa Sede, Andrea Monda, succeduto lo scorso 18 dicembre a Gian Maria Vian. "A lei insieme all'augurio di ogni bene va il nostro sincero ringraziamento per il prezioso lavoro svolto in questi anni con grande impegno e in piena libertà - afferma -. In questi pochi mesi da quando sono stato nominato Direttore ho garantito alla professoressa Scaraffia, e al gruppo di donne della redazione, la stessa totale autonomia e la stessa totale libertà che hanno caratterizzato l'inserto mensile da quando è nato, astenendomi dall'interferire in qualsiasi modo sulla fattura del supplemento mensile del giornale e limitandomi a offrire il mio doveroso contributo (nel suggerimento di temi e persone da eventualmente coinvolgere) alla libera valutazione della professoressa Scaraffia e della redazione del supplemento". "Il mio impegno - spiega ancora Monda in una nota - non è stato in alcun modo quello di depotenziare il mensile Donne Chiesa Mondo, al quale è stato semmai confermato integralmente il budget ed è stata garantita la traduzione e la diffusione in altri Paesi nonostante la necessità generale di contenere i costi della Curia. Il mio impegno è stato e rimane quello di potenziare l'edizione quotidiana de 'L'Osservatore Romano' (non certo in termini di concorrenzialità ma di complementarietà con il supplemento) come è naturale e giusto che sia".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA