Mafia capitale, Odg: '96 giornalisti denunciati, è gravissimo'

Pirovano, esposto imbarazzante viola diritto a essere informati. Fnsi, vicenda indegna di un Paese civile

 "In un Paese che si dice democratico è impensabile che si disponga una denuncia collettiva per 96 giornalisti, 78 cronisti e 16 direttori, 'colpevoli' di aver illuminato con il loro lavoro uno dei peggiori scandali della storia d'Italia e forse il più triste della storia della Capitale". Così il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, commenta la vicenda dei giornalisti divenuti oggetto di un esposto di alcuni avvocati della Camera penale di Roma alla Procura della Repubblica per "la pubblicazione pedissequa in articoli di stampa di atti, o stralci degli stessi, di un procedimento penale in fase di indagine" in relazione al caso di Mafia Capitale.

"Torna in voga - osserva Lorusso - l'idea che si possa tentare di imbavagliare la stampa impedendo la pubblicazione di intercettazioni tra l'altro non più coperte da segreto istruttorio: è l'ennesimo esempio che deve far riflettere la politica sull'opportunità di una delega in bianco al governo su una materia così delicata. È anche a causa di episodi come questo che l'Italia occupa il 73/o posto nella classifica sulla libertà di stampa. È preoccupante che si sferri un attacco così rozzo e plateale alla libertà dei cronisti di informare e al diritto dei cittadini ad essere informati: chi l'ha concepito farebbe bene a rileggere quanto stabilito in modo assolutamente inequivocabile dalla Corte europea dei diritti dell'uomo nelle numerose sentenze in materia di libertà di espressione e diritto di cronaca". "Oltre che la totale solidarietà della Federazione nazionale della stampa italiana - conclude Lorusso - ai colleghi finiti nel tritacarne giudiziario va rivolto l'invito a proseguire il loro lavoro nell'interesse esclusivo dell'opinione pubblica, senza lasciarsi condizionare da tentativi di intimidazione che qualificano chi li compie".

"Novantasei giornalisti sono stati denunciati con un solo esposto dagli avvocati difensori degli indagati di Mafia Capitale: sono 78 cronisti e 18 direttori responsabili che hanno pubblicato gli atti dell'inchiesta, coperti formalmente da segreto". Lo rende noto Paolo Pirovano, segretario nazionale dell'Ordine dei giornalisti, ricordando che, "come recita l'articolo 115 del Codice di procedura penale, essendo un illecito disciplinare, ora la Procura della Repubblica della Capitale dovrà informare i 12 Ordini regionali ai quali i 96 colleghi sono iscritti".

"Dopo le minacce verbali e le aggressioni anche fisiche nei confronti dei cronisti che in questi mesi hanno cercato di raccontare con professionalità fatti e retroscena dell'inchiesta Mafia Capitale - commenta Pirovano - ora è la volta di questo esposto imbarazzante che, secondo il Comitato esecutivo dell'Ordine nazionale dei Giornalisti, offre una interpretazione distorta e gravissima non solo del diritto dei cittadini ad essere informati ma anche della libertà di stampa. Una denuncia che non a caso viola le normative della Corte dei Diritti dell'uomo di Strasburgo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA