Bonino, bene analisi, sparita ogni evidenza di cancro

Esito positivo della terapia dopo la diagnosi di tumore al polmone

Lo annunciò in diretta, a Radio Radicale. Con la voce spezzata dalla commozione, Emma Bonino, lo scorso 12 gennaio, decise di parlare della sua ennesima battaglia, forse quella più dura della sua vita: un cancro al polmone. Disse che avrebbe affrontato sei mesi di chemioterapia, e che lei non era il suo male. Ed oggi sceglie ancora una volta radio Radicale per annunciare che gli esami clinici e la tac fatti in questi giorni "evidenziano una disapparizione di ogni evidenza di cancro". "É il meglio che mi potevo aspettare", dice la Emma delle lotte, da quella per la legalizzazione dell'aborto, al divorzio, al dialogo con il mondo arabo. Anche Papa Bergoglio, neanche un mese fa, la chiamò per dirle di "tenere duro". E lei ha tenuto duro, sin dal primo giorno, sin da quando si rivolse "a tutti coloro che in Italia e altrove affrontano questa o altre prove". Anche oggi si è rivolta a chi, come lei, affronta questa sfida: "Il mio è anche un messaggio di speranza che voglio dare a tutti quelli che a milioni stanno seguendo dei percorsi e delle terapie per questo tipo o altro tipo di sfide che ci troviamo ad affrontare".

EMMA BONINO DA' NOTIZIA DELL'ESITO DELLE ANALISI

 

 Certo, la strada è ancora lunga. "So bene che, come scrive il bollettino, è solamente una tappa, che dovrò fare bene adesso questa radio terapia preventiva al cervello - ammette la Bonino - e poi un periodo di riposo abbastanza lungo che mi è stato prescritto proprio per evitare ricadute percentualmente molto alte in questo tipo di cancro nei primi 12 mesi dopo il trattamento". Ma ammette anche che "oggi è certamente un bel giorno per me". Pensa alla sua vita, Emma. Ma pensa ovviamente alla politica, che della sua vita è l'anima. "Potrò dedicarmi un po' di più, appena recupererò un po' di forze, alle attività politiche che mi stanno a cuore", annuncia. Ringrazia chi le ha assicurato vicinanza "in questo lunghissimo periodo che sembrava non finire mai". Ringrazia "il collegio medico, i professori Santini, Cortesi e Tombolini, ma anche tutto il personale medico e paramedico che in questi mesi l'ha assistita. Molti i messaggi di auguri provenienti dal mondo politico. La ministra della Salute Lorenzin esprime "grande gioia", Silvio Berlusconi usa le stesse parole e aggiunge che "Emma e' una donna forte e coraggiosa e il Paese ha ancora bisogno di persone come lei". Felice anche Renata Polverini, anche lei toccata dallo stesso male (è stata operata per un tumore alla tiroide): "Il cancro fa paura. Ma di cancro si può guarire. E Emma Bonino ne è un esempio. Non cedere allo sconforto, ma combattere per sconfiggerlo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA