Australia, premier stati pro repubblica

Nel giorno della festa nazionale, 'un australiano a capo paese'

In occasione della festa nazionale di Australia Day il 26 gennaio, che commemora lo sbarco della Prima Flotta di galeotti e soldati nel 1788 e la proclamazione di sovranità britannica, i premier degli Stati e Territori della federazione australiana hanno firmato una dichiarazione di sostegno alla repubblica. L'Australia è tuttora una monarchia sotto la corona britannica, rappresentata da governatori generali sia a livello nazionale sia in ciascuno degli stati.
    Come parte della campagna dell'Australian Republican Movement (ARM), sette degli otto premier hanno firmato una dichiarazione di sostegno al superamento della monarchia costituzionale, proponendo semplicemente che l'Australia abbia una persona australiana come capo di stato. Non ha firmato solo il premier del Western Australia Colin Barnett che, pur essendo favorevole alla repubblica, ha spiegato che "non è il momento giusto per il paese" per imbarcarsi in una riforma costituzionale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA