Chiudono 150 Starbucks, crollo in Borsa

'Recente performance non è accettabile'

Starbucks chiude 150 caffetterie. Una decisione legata al rallentamento delle vendite, che nel trimestre in corso dovrebbero segnare un modesto +1%, ovvero la peggiore performance degli ultimi nove anni. Lo annuncia Starbucks in una nota. La notizia fa affondare i titoli in Borsa nelle contrattazioni after hours, dove arrivano a perdere fino al 6,3%.
    ''Anche se alcuni venti contrari sulla domanda sono transitori e alcuni aumenti dei costi sono appropriati investimenti per il futuro, la nostra recente perfomance non riflette il potenziale del marchio e questo non e' accettabile'' afferma l'amministratore delegato di Starbucks, Kevin Johnson, sottolineando che la società deve ''muoversi più velocemente per rispondere ai cambiamenti rapidi delle preferenze dei nostri clienti''.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA