Stop repubblicani a Obama su dopo Scalia

Ma presidente annuncia, nominerò il successore a tempo debito

(ANSA) - WASHINGTON, 14 FEB - All'unisono, i candidati per la nomination repubblicana invocano il 'no' deciso del Senato per frenare Barack Obama ed impedirgli di scegliere il successore alla corte Suprema di Antonin Scalia, scomparso improvvisamente.
    Comincia da qui la battaglia politica per coprire il posto del giudice conservatore alla massima corte americana che si preannuncia feroce e destinata a dominare la campagna elettorale.
    Il duello televisivo in Sud Carolina trasmesso dalla Cbs si apre con un minuto di silenzio in ricordo del magistrato che per trent'anni è stato la voce conservatrice nel massimo organo giudiziario statunitense e va in onda subito dopo l'annuncio del presidente Barack Obama di voler tener fede alle sue "responsabilità costituzionali" nel "nominare il successore di Scalia, a tempo debito".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA