Isis: caos a Raqqa, un gruppo tunisino tenta il golpe e accusa al Baghdadi

Raid aereo del governo siriano su Dayr az Zor, sterminata un'intera famiglia

Un gruppo di miliziani tunisini dell'Isis basati a Raqqa, roccaforte jihadista nel nord della Siria, ha tentato di compiere un golpe contro i vertici dello Stato islamico, accusando pubblicamente 'il Califfo' Abu Bakr al Baghdadi di esser responsabile del cattivo trattamento economico, e uccidendo con kamikaze almeno 20 alti quadri dell'organizzazione. Ne dà notizia stamani la tv panaraba al Mayadin, vicina all'Iran, citando social network di affiliati all'Isis e "fonti locali a Raqqa".

Sempre in Siria intanto, un'intera famiglia à stata sterminata nell'est del Paese da un attacco aereo governativo su Dayr az Zor, città in parte controllata dall'Isis. Lo riferisce la tv panaraba al Jazira che cita fonti giornalistiche sul posto. Secondo le fonti il raid è avvenuto nel quartiere di Hamidiya, nel capoluogo orientale sull'Eufrate. Nell'attacco sono morte in tutto 15 persone, tra cui dieci membri della stessa famiglia. Tra le vittime ci sono anche donne e minori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA