Usa, Isis non ha testate chimiche

Ma possono usare iprite. Risulta da interrogatori prigioniero

"L'Isis non è in possesso di testate chimiche", anche se può impiegare gas mostarda (iprite) prodotto localmente che produce danni alla pelle e uccide nel 5% dei casi. E' quanto ha affermato in una conferenza stampa a Baghdad il portavoce della Coalizione internazionale contro lo Stato islamico, il colonnello americano Steve Warren, riferendo i risultati degli interrogatori del responsabile del Califfato per la ricerca nel settore, Sleiman Daoud al Afari, catturato il mese scorso in Iraq in un blitz delle forze speciali Usa. L'uomo, ha aggiunto Warren, è stato già consegnato alle autorità della regione autonoma del Kurdistan iracheno.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA