Fonti, Isis ha usato gas cloro in Iraq

Su cittadina a sud di Kirkuk. Altre denunce in precedenza

(ANSA) - BAGHDAD, 9 MAR - Nuove accuse sono state rivolte dal governo iracheno all'Isis di compiere bombardamenti con gas cloro. Fonti della sicurezza a Kirkuk, nel nord del Paese, hanno detto che "decine" di residenti della cittadina di Taza, 25 chilometri più a sud, sono stati ricoverati in ospedale per problemi respiratori dopo un bombardamento con razzi dello Stato islamico. Membri del Fronte turcmeno, che in questa regione combatte contro le milizie del 'Califfato', hanno detto che almeno 37 razzi sono stati lanciati dall'Isis dalle sue postazioni nel villaggio di Bashir, 10 chilometri a ovest di Taza. Secondo testimoni locali, dopo le esplosioni, i razzi hanno rilasciato un fumo grigio e un leggero liquido oleoso.
    Dalle analisi effettuate presso un laboratorio locale è risultato che i jihadisti avevano caricato i razzi con "cloro secco". Secondo fonti governative a Kirkuk, l'Isis aveva impiegato cloro anche in bombardamenti sulle forze curde Peshmerga il mese scorsa a Sinjar, 120 chilometri a ovest di Mosul.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA