Abu Mazen, morte Zayed 'crimine atroce'

Maan, Fronte liberazione Palestina evoca responsabilità Mossad

(ANSA) - TEL AVIV, 26 FEB - Il presidente dell'Autorità nazionale palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas) ha definito "un crimine atroce" la morte di Omar Nayef Zayed, ritrovato esamine nel giardino dell'ambasciata palestinese a Sofia, in Bulgaria.
    Il Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp), di cui Nayef era un militante, ha confermato la notizia e ha evocato, secondo la Maan, una responsabilità del Mossad.
    Abu Mazen ha anche annunciato - ha riferito l'agenzia palestinese Maan - una Commissione di inchiesta per "scoprire le circostanze" della morte. L'uomo - per cui Israele aveva chiesto l'estradizione lo scorso dicembre dalla Bulgaria per l'uccisione di un israeliano nel 1986 e la relativa condanna all'ergastolo - è stato trovato, secondo la Maan, ferito nel giardino dell'ambasciata ma ancora vivo. Trasportato in ospedale è morto sull'ambulanza.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA