Daphne, procura chiede tre ergastoli

Formalizzate accuse per esecutori materiali arrestati nel 2017

 La Procura generale maltese ha formalizzato le accuse e chiesto condanne all'ergastolo per i tre presunti autori materiali dell' omicidio di Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese uccisa con un'autobomba il 16 ottobre 2017. I tre vennero arrestati un paio di mesi dopo. Restano sconosciuti i mandanti. Il governo maltese, contestato e considerato complice dalla famiglia, ha espresso soddisfazione con una nota in cui sottolinea: "Questa è un'ulteriore prova della dedizione e del buon funzionamento delle istituzioni".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA