La Francia scende in piazza contro l'antisemitismo

Profanato cimitero ebraico, visita a sorpresa di Macron

"Tutti uniti contro l'antisemitismo e il razzismo". Dinanzi alla recrudescenza degli atti antiebraici, cresciuti nell'ultimo anno di oltre il 70%, la Francia scende in piazza per dire basta, con oltre 70 manifestazioni unitarie indette da una ventina di partiti politici - praticamente tutto l'arco costituzionale - ai quattro angoli del Paese. E lo fa all'indomani dell'ultimo episodio di profanazione di un cimitero ebraico vicino Strasburgo mentre da Israele arriva un appello-provocazione agli ebrei che vivono in Francia: 'Tornate a casa'.

Ma il messaggio dei francesi vuole essere chiaro, come testimoniato dal raduno straripante di persone riunite questa sera a Parigi, in Place de la République, dove intorno alla grande statua della Marianna repubblicana - il simbolo della nazione illuminata con i colori del tricolore francese - sono stati letti testi di diversi autori tra cui Primo Levi e Georges Moustaki ed è stata intonata per tre volte la Marsigliese. Un forte momento di comunione repubblicana, a cui partecipavano anche il premier Edouard Philippe e almeno 28 membri del governo fra ministri e sottosegretari insieme ad una marea umana di cittadini. Assente, invece, Emmanuel Macron, che nel primo pomeriggio si è invece recato personalmente in Alsazia, dove nella notte un centinaio di tombe del cimitero ebraico di Quatzenheim sono state profanate con svastiche e scritte in tedesco. Il capo dello Stato ha promesso una stretta contro chiunque si macchierà di nuovi atti antisemiti. Mentre da Israele giunge l'appello agli ebrei di Francia rivolto dal ministro per l'immigrazione Yoav Gallant: "Rientrate a casa, immigrate in Israele".

Un messaggio simile a quello lanciato dal premier Benyamin Netanyahu, dopo gli attentati del gennaio 2015 a Parigi, che suscitò l'ira dell'amministrazione dell'allora presidente Francois Hollande. Netanyahu ha denunciato oggi l'azione di "antisemiti selvaggi". "Faccio appello ai leader di Francia ed Europa di mettere in atto una forte azione" contro la "piaga dell'antisemitismo", ha aggiunto. Nel cimitero alsaziano, Macron, con indosso la kippà, è rimasto in raccoglimento diversi minuti, nel silenzio assoluto. Poi ha deposto un sasso su una delle tombe oltraggiate. "Prenderemo provvedimenti, faremo leggi, puniremo - ha promesso il capo dello Stato fermandosi a parlare con la gente del paese - chi ha fatto questo non è degno della Repubblica. E' con tutte le forze che abbiamo che daremo una risposta".

Conte, solidarietà a Francia e sua comunità ebraica  - "In questa Europa, e in quella che stiamo costruendo per le generazioni future, non può esserci spazio per l'antisemitismo. Combatterlo ovunque e in tutte le sue forme è nostro dovere. Alla Francia e alla comunità ebraica francese tutta la solidarietà del Governo italiano". Lo afferna il premier Giuseppe Conte su twitter.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA