Rep.Ceca ha scelto il populista Babis

Magnate vince legislative, secondi gli euroscettici xenofobi

Le elezioni parlamentari nella Repubblica Ceca sono finite con il trionfo di Andrej Babis, il magnate populista leader del movimento Ano 2011, che si è affermato con un grande distacco dagli altri otto partiti entrati in Parlamento. In una tornata elettorale che segna la debacle per i socialdemocratici, che potrebbero uscire dal governo per andare all'opposizione, definendo un nuovo flop della sinistra europea. Volano, piazzandosi al secondo posto, i populisti di un partito anti-islam ed euroscettico. Babis, controverso imprenditore messo alla porta dal governo uscente per le accuse di frode che lo hanno travolto mentre occupava il dicastero alle finanze, è affidabile per il 30% dei cechi e adesso può diventare premier. E' contro i migranti islamici, contro l'adozione dell'euro, contro il diktat di Bruxelles. Come il capo di Stato, Milos Zeman. E lo stesso Zeman ha più volte dichiarato di volergli dare la possibilità di formare il governo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA