Turchia: commissariate 3 città curde

Con l'accusa di 'legami con il Pkk'. Nuovi arresti di sindaci

(ANSAmed) - ISTANBUL, 17 NOV - Prosegue senza sosta il giro di vite contro i politici curdi nel sud-est della Turchia, accusati di legami con "l'organizzazione terroristica" Pkk.
    Stamani, dopo l'arresto dei rispettivi sindaci, sono stati commissariati altri 3 importanti centri governati dal partito Dbp, branca locale del filo-curdo Hdp, di cui sono già stati arrestati 10 deputati, compresi i leader Selahattin Demirtas e Figen Yuksekdag. Secondo l'agenzia statale Anadolu, amministratori governativi sostituiranno i sindaci eletti a Van, Mardin e Siirt, mentre nelle prossime ore è atteso anche il commissariamento di Tunceli, dopo l'arresto anche del suo sindaco. A fine ottobre, erano già finiti in manette anche i co-sindaci della 'capitale' curda Diyarbakir.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA