Erdogan, no-fly zone per stop rifugiati

'Onu pensi a pulizia etnica anziché chiederci apertura confini'

Una no-fly zone nel nord della Siria è l'unico modo per fermare il flusso di rifugiati in fuga verso la Turchia dai raid del regime di Bashar al Assad e dei suoi alleati. Lo ha detto oggi il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, in un discorso in cui è anche tornato a criticare l'Onu per la sua richiesta ad Ankara di riaprire le frontiere ai profughi siriani. Secondo Erdogan, anziché lanciare appelli alla Turchia, le Nazioni Unite dovrebbero occuparsi di fermare il tentativo di "pulizia etnica" in atto ad Aleppo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA