Brucia gatto della compagna, condannato

Succede a Nizza. Plaudono le associazioni animaliste

Condannato a due anni di prigione per aver barbaramente ucciso il gatto della compagna. Succede in Francia, a Nizza, dove la decisione del giudice è stata acclamata dagli animalisti. Giovedì sera, Griffin, è stato bruciato vivo e poi freddamente gettato dalla finestra del settimo piano. Recuperato vivo ma agonizzante, i felino è stato poi soppresso da un veterinario che non aveva altra scelta. Una decina di organizzazioni animaliste hanno immediatamente sporto denuncia. Ieri, in tribunale, una cinquantina persone, soprattutto donne scandalizzate per la crudeltà del 'boia', hanno assistito al processo di quest'uomo di trent'anni. Alla sbarra per direttissima, l'operaio disoccupato non è stato in grado di spiegare il suo gesto. "Vi assicuro non sono io, non capisco come abbia potuto farlo...". E però le scuse non sono bastate. Il tribunale ha accolto la richiesta dell'accusa.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA