Fukushima, assolti 3 ex dirigenti Tepco

Erano accusati della morte di 44 persone e il ferimento di 13

La Corte distrettuale di Tokyo ha giudicato non colpevoli tre dirigenti del gestore dell'impianto di Fukushima, la Tokyo Electric Power (Tepco), accusati di negligenza per non avere adottato misure adeguate per prevenire il disastro nucleare avvenuto nel marzo 2011 nel nordest del Giappone in seguito alla scossa di magnitudo 9 e al successivo tsunami.
    Il presidente 79enne Tsunehisa Katsumata e i due vicepresidenti Ichiro Takekuro, 73 anni, e Sakae Muto, 69 anni, avevano affermato in loro difesa che non potevano essere in grado di anticipare la gravità dello tsunami che ha provocato l'allagamento delle turbine, causando il meltdown dei reattori.
    I tre massimi dirigenti della Temco erano accusati della morte di 44 persone, inclusi diversi pazienti costretti ad evacuare da un ospedale locale, e delle ferite riportate da altre 13 persone durante l'esplosione di idrogeno alla centrale nucleare di Fukushima Daichi.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA