Migliaia a Hong Kong, mare di ombrelli

A migliaia alla protesta pro-democrazia, strade d'accesso colme

Oltre a essere diventato un mare di ombrelli per la pioggia battente, Victoria Park risulta colmo di persone al punto che le vie di accesso sono intasate tanto da spingere gli organizzatori, pur pendente il divieto di marcia, a guidare fuori dal parco parte dei manifestanti.
Il corteo più consistente sembra dirigersi verso Chater Garden, tagliando il centro, mentre sono ancora in migliaia ad attendere di poter accedere a Victoria Park, il luogo in cui il Civil Human Rights Front  ha chiamato ancora una volta alla mobilitazione generale e non solo contro la contestata legge sulle estradizioni in Cina. La volontà, ha detto Bonnie Leung, tra i promotori per conto del Civil Human Rights Front, è di manifestare "pacificamente. La polizia ha imposto molte e inutili restrizioni, così non possiamo marciare ma abbiamo un grande numero di persone che non può essere contenuto a Victoria Park. I nostri parlamentari guideranno la folla in modo pacifico e fuori dal parco in modo che altre persone possano entrare". Le vie di accesso al grande parco restano congestionate e il trasporto pubblico sconta ritardi nelle corse della metropolitana e cancellazioni di alcune linee di autobus. I manifestanti, di tutte le età e con molti che indossano abiti neri, rispettando il colore scelto dal movimento contro la legge sulle estradizioni, intonano gli slogan diventati il simbolo delle iniziaive: "Hong Kong libera, democrazia subito" e "Riempiamo Victoria Park".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA