Kabul, kamikaze a matrimonio: 63 morti

Anche donne e bambini tra le vittime, 182 i feriti

Almeno 63 persone sono morte e altre 182 sono rimaste ferite in un attentato compiuto ieri da un terrorista kamikaze durante una festa di matrimonio vicino a Kabul, rivendicato poi dall'Isis.
"Tutte le persone uccise e ferite sono civili. Tra le vittime ci sono anche donne e bambini", ha comunicato oggi il ministero degli Interni afgano.
    L'esplosione è avvenuta all'interno di una sala per matrimoni nella parte occidentale della capitale intorno alle 22:30 ora locale (le 20 in Italia). Testimoni oculari hanno riferito all'ANSA che l'attentatore suicida ha fatto detonare i suoi esplosivi tra gli ospiti all'interno della sala.
    I talebani hanno negato il coinvolgimento in questo attacco e hanno condannato il prendere di mira eventi come questo.

In una dichiarazione pubblicata su un sito legato al gruppo terroristico, l'Isis ha spiegato che un combattente pachistano dello Stato Islamico in cerca di martirio ha preso di mira un grande raduno sciita a Kabul. L'Isis in Afghanistan ha affermato che dopo l'attentato suicida, anche un'autobomba è stata fatta esplodere nell'attacco. Funzionari afgani hanno riferito che circa 200 persone sono rimaste ferite nell'esplosione, avvenuta in un quartiere occidentale di Kabul che ospita molti della comunità di minoranza sciita Hazara. I sopravvissuti sostengono che l'attentatore fosse in piedi vicino a un palco in cui bambini e altri si erano radunati, quando ha fatto esplodere il giubbotto esplosivo. L'Isis ha rivendicato la responsabilità di numerosi attacchi sanguinosi contro la comunità Hazara da quando il gruppo terroristico è emerso in Afghanistan, nel 2014.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA