Iran respinge accuse tedesche spionaggio

Dopo l'arresto di un presunto agente di Teheran in Germania

(ANSA) - TEHERAN, 20 GEN - L'Iran ha respinto oggi le accuse di spionaggio rivoltegli dalla Germania, dopo l'arresto nei giorni scorsi da parte dell'Intelligence tedesca di un cittadino afghano-tedesco ritenuto un'agente dei servizi d'informazione di Teheran.
    Il portavoce del ministero degli Esteri della Repubblica islamica, Bahram Ghasemi, citato dall'agenzia Isna, ha affermato che "i nemici dell'Iran cercano di rovinare gli storici rapporti tra l'Iran e i Paesi europei, specialmente quelli della Ue firmatari dell'accordo sul nucleare" del 2015.
    Nei giorni scorsi la Germania ha annunciato l'arresto del cittadino tedesco-afghano, Abdul Hamid S., di 50 anni, che svolgeva la funzione di interprete presso il Comando di ricognizione strategica delle forze armate tedesche. L'uomo è accusato di avere fornito all'Iran materiale segreto riguardante l'esercito, comprese informazioni sulla missione delle forze tedesche in Afghanistan.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA