Nuova base orbitale spaziale cinese

Nel terzo trimestre dell'anno, obiettivo base permanente

(ANSA) - PECHINO, 29 FEB - La corsa della Cina verso lo spazio va avanti a passo spedito con la seconda stazione che sarà mandata in orbita nel terzo trimestre dell'anno, mentre due astronauti vi soggiorneranno in seguito per diversi giorni.
    "Tiangong 2" è il nome scelto per "il laboratorio", in base a quanto comunicato domenica sul sito web dalla China Manned Space Agency, l'agenzia spaziale cinese. Nel quarto trimestre la navicella Shenzhou 11, ultima di una serie di missioni partite nel 2003, aggancerà la stazione con i due astronauti a bordo.
    A conferma dell'importanza data da Pechino alle attività spaziali, nel 2017 sarà la volta del cargo "Tianzhou 1" che, nei piani, dovrà raggiungere Tiangong 2 consegnando carburante e altro genere di beni primari.
    Se la prima base orbitale Tiangong 1 risale al 2011, la Cina conta di costruirne una permanente entro il 2022. Solo nel 2016, le missioni spaziali programmate sono 20 in tutto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA