Kim Jong-un, pronto guerra se provocato

Ma il presidente nord coreano non rinnova le minacce nucleari

 Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha affermato nel tradizionale discorso di capodanno di essere pronto alla guerra se provocato da stranieri "invasivi", rimanendo però lontano dalle passate minacce incentrate sulle armi nucleari.
    Benché non abbia offerto un dialogo a Corea del Sud e a Usa, ha detto di essere aperto a colloqui con chiunque sia veramente interessato a "riconciliazione e pace" nella penisola coreana.
    Ha infine assicurato che migliorerà l'economia in difficoltà della Paese.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA