El Mencho nuovo boss dei narcos messicani dopo el Chapo

Da ex poliziotto a sicario: 'Ora è lui il nemico pubblico n.1'

(di Claudio Accogli)

ROMA - Nemesio Oseguera Cervantes, detto 'El Mencho', il cowboy, 52 anni, il boss che costringe le reclute a mangiare la carne delle proprie vittime: è lui il nuovo nemico pubblico numero 1 per l'agenzia antidroga statunitense e le autorità messicane. E' ricercato da un decennio, e da qualche giorno pende sulla sua testa una taglia da oltre 1 milione e mezzo di dollari. Dopo l'arresto due anni fa di Joaquin Guzman 'El Chapo', il signore della droga messicano capo del gruppo di Sinaloa - ora in carcere in Usa - il cartello di cui è alla testa 'el Mencho' è considerato il più pericoloso del Paese. Il gruppo, chiamato Jalisco Nueva Generacion, ha conquistato le luci di una macabra ribalta a suon di assassinii e stragi.

Secondo il procuratore generale messicano, Alberto Elias Beltran, il cartello di Jalisco "è l'unico ancora veramente in attività. Gli altri gruppi criminali sono cellule delle vecchie strutture, oramai allo sbando". Lo scorso anno, in Messico gli omicidi legati al narcotraffico sono stati quasi 30.000. E il cartello non si occupa solo di droga e assassinii: uno dei boss, Josè Guadalupe Rodriguez Castillo, è finito agli arresti con l'accusa di aver ordinato il rapimento dei tre napoletani scomparsi in Messico - Raffaele Russo, il figlio Antonio Russo e suo nipote Vincenzo Cimmino. El Mencho, un ex poliziotto diventato sicario, è oggi il più ricercato capo dei cartelli della droga sudamericani: il suo nome figura nella lista nera dei latitanti 'most wanted' della Dea e secondo Paul Craine, il funzionario Usa a capo della squadra che ha catturato 'El Chapo', è lui oggi il "nemico pubblico numero uno". Controlla un "esercito di migliaia di criminali" armati di fucili d'assalto. E nel 2015, il cartello abbatté con un lanciarazzi un elicottero dell'esercito, uccidendo 10 persone.

Lo scorso anno, alcuni cadaveri trovati in un'officina meccanica erano stati decapitati e smembrati. Tra gli arrestati anche due minorenni: hanno raccontato ai giudici di essere stati stati obbligati a mangiare la carne delle loro vittime dopo l'esecuzione come prova di iniziazione. Funzionari della Dea e della polizia messicana sono concordi: 'el Mencho' è forse il più pericoloso boss del narcotraffico mondiale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA