Tunisia, sciopero fame candidato Karoui

E' stato arrestato con accusa di riciclaggio ed evasione fiscale

Il magnate tunisino Nabil Karoui, candidato alle elezioni presidenziali del 15 settembre, in carcere dal 23 agosto scorso per riciclaggio ed evasione fiscale, ha annunciato di aver iniziato oggi uno sciopero della fame in una lettera rivolta direttamente ai suoi elettori. Karoui denuncia nella missiva, diffusa dai suoi difensori, "il suo stato di carcerazione che lo priva di tutti i suoi diritti costituzionalmente garantiti" e ricorda "di essere stato privato del diritto di partecipare ai dibattiti tv tra candidati diffusi sul canale nazionale" lamentandosi di non aver avuto le stesse possibilità degli altri candidati per illustrare il suo programma. Karoui scrive anche di voler restare fedele ai martiri della rivoluzione e annuncia quindi di aver iniziato uno sciopero della fame. Domani è fissata presso l'autorità giudiziaria di Tunisi un'udienza sulla richiesta dei difensori di Karoui che ne chiedono la scarcerazione.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA