Egitto: Amnesty, indagare morte detenuto

Deceduto in carcere. Per l'ong sarebbe stato torturato

(ANSA) - IL CAIRO, 24 AGO - Amnesty International ha chiesto alle autorità egiziane di avviare un'inchiesta sulla morte di un detenuto nel carcere del Cairo, dopo le accuse di tortura rivolte alle autorità.
    In una nota, l'ong sostiene che il 30enne Hossam Hamed è stato trovato morto con il viso tumefatto e sanguinante nella sua cella dove era tenuto in isolamento da 3 settimane. Almeno tre testimoni hanno detto che Hamed è stato duramente picchiato dalle guardie carcerarie. A lungo, affermano, hanno sentito picchiare contro la porta, poi il silenzio. Quando le guardie hanno aperto la porta, il detenuto è stato trovato morto. Dal suo arresto, 4 anni fa, Hamed era stato processato più volte con l'accusa di terrorismo e per aver fatto parte dei Fratelli Musulmani. In uno dei processi, era stato condannato a 25 anni di reclusione. "Le Forze di Sicurezza egiziane hanno un record spaventoso sull'uso di modi brutali con un'impunità quasi totale", sostiene Magdalena Mughrabi, vicedirettore di Amnesty per Medio Oriente e Nord Africa.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA