Bengasi, 340 morti in un mese di scontri

Lo riferiscono fonti mediche, tra le vittime anche 200 soldati

Almeno 340 persone sono morte a Bengasi nell'ultimo mese, da quando cioè è stata lanciata una nuova offensiva da parte dell'ex generale libico Khalifa Haftar per cercare di riprendere la città libica caduta a luglio nelle mani delle milizie islamiche. Lo hanno reso noto fonti mediche, secondo le quali i combattimenti, le violenze e le esecuzioni sommarie dal 15 ottobre scorso hanno causato la morte di almeno 340 persone, tra cui più di 200 soldati.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA